Medicina e Tecnologia. I miglioramenti avanzano a passi da gigante

 

Negli ultimi anni il settore della sanità ha vissuto un notevole aumento dell’utilizzo del cosiddetto ICT (Information and Communication Technology) cioè delle tecnologie che in questo ambito supportano la ricerca medica e l’assistenza ai cittadini.

Le stime di chi analizza questo tipo di panorama ipotizzano che in cinque anni saranno circa 500 milioni le persone che nel mondo faranno uso di applicazioni di mobile health. Vi è anche un altro dato da considerare, la nostra società vivrà un invecchiamento massivo della popolazione e per affrontare la situazione nel miglior modo possibile sarà necessario colmare le distanze fisiche e/o virtuali con un non facile cambio di mentalità e nuovi strumenti tecnologici e culturali.

L’ambito principale in cui fino ad ora si sono osservati i maggiori cambiamenti è stato quello del miglioramento dell’efficienza operativa delle strutture sanitarie con l’introduzione della cartella clinica elettronica, del fascicolo sanitario unico, le ricette telematiche, la telemedicina ecc.

Quando parliamo di innovazioni tecnologiche però non ci riferiamo solo ai quei nuovi strumenti che facilitano l’organizzazione migliorandone l’efficienza ma anche a tutti i miglioramenti apportati alle strumentazioni.

Già oggi nel campo della diagnostica abbiamo a disposizione degli strumenti molto avanzati come i sistemi robot per l’esecuzione di biopsie che hanno permesso un salto tecnologico non indifferente. Gli strumenti informatici poi ci permettono di elaborare in frazioni di secondo milioni di informazioni, di connettere e condividere dati.

Se volessimo dare uno sguardo più ampio all’argomento, potremmo analizzare le apparecchiature più all’avanguardia come ad esempio il nuovissimo Ecografo Touch Prime di Carestream. Questa nuova apparecchiatura creata dall’azienda leader nella produzione di strumenti diagnostici è la rappresentazione dell’avanzamento tecnologico. Sia le immagini che le funzionalità sono nettamente migliori degli ecografi precedenti. Questo permette un’esplorazione diagnostica più sicura e più accurata: il corpo macchina è ulteriormente potenziato nelle funzioni e semplificato nell’utilizzo grazie ad un touch screen dotato di molteplici funzionalità per un maggiore comfort nello svolgimento delle analisi e una precisione ancora più raffinata.

Oggi i medici prescrivono esami di diagnostica per immagini per indagare la presenza di particolari patologie. I risultati sono rielaborati sotto forma di pixel che vanno a formare una rappresentazione, riconoscibile dal cervello umano, di cui è possibile interpretare forme, colori e ombre. Il rapidissimo sviluppo che sta vivendo la diagnostica ci permetterà di analizzare i pixel delle immagini con particolari algoritmi che ci restituiranno degli indicatori numerici aiutando così il personale sanitario a delineare diagnosi ancora più accurate. La stessa Carestream ha un ruolo fondamentale in questo percorso di sviluppo grazie alla gestione di milioni di immagini biomediche, fondamentali per i ricercatori che possono testare e verificare nuovi algoritmi.

La forza dello sviluppo tecnologico è inaspettato ma sicuramente possiamo affermare che i cambiamenti stanno avanzando con grande velocità verso un degno obiettivo: il miglioramento del benessere generale degli individui.

 


Vedi anche:

Resta aggiornato
sulle novità di GtGprivatecare

Carestream

Carestream il leader dell'imaging diagnostico

 Follow us on Google+Follow us on LinkedinFollow us on twitterFollow us on facebook

Gestione Efficiente strutture sanitarie

Efficacia ed efficienza nel sistema di gestione delle organizzazioni sanitarie: il caso dell'Ospedale delle Apuane